Whiplash o Colpo di frusta, cos’è e come si può trattare?

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Whiplash o Colpo di frusta, cos’è e come si può trattare?

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Whiplash o Colpo di frusta, cos’è e come si può trattare?

Tutti abbiamo sentito parlare del famoso colpo di frusta, altrimenti detto whiplash, ma che cos’è veramente?

Andiamo a scoprirlo insieme.Il colpo di frusta viene tipicamente definito come una rapida accelerazione o decelerazione (oppure entrambi) del capo e della cervicale. Spesso lo si associa ad un’incidente in auto, ma non è l’unica causa, infatti anche cadute o rapidi movimenti del collo possono provocarlo.

Da qui già si intuisce che il movimento che provoca il colpo di frusta non è mai lo stesso, perché dipende dal punto di impatto (in caso di trauma), dalla posizione di partenza del corpo, dal tipo di incidente automobilistico e così via.

Ma quali sono i sintomi? Quasi tutti hanno sperimentato il whiplash durante la propria vita. Vi sarete accorti come a volte i sintomi compaiono immediatamente o a volte nei giorni successivi. A volte sono intensi, soprattutto per incidenti importanti, a volte sono lievi, ma comunque presenti. Tuttavia la caratteristica più importante è la cronicità.

Dolore cervicale e alle spalle, nausea ed ansia sono i più comuni, ma essendo la dinamica complicata come abbiamo visto, la serie di sintomi può estendersi a: parestesie, blocchi cervicali, lombari e sacrali fino ad arrivare a problemi viscerali ed emotivi come depressione e irritabilità. Nei casi più semplici il tutto si risolve velocemente, ma rimane sempre qualcosa che non va, come se il whiplash ci “cambiasse” per sempre.

Le motivazioni sono da ricercare come sempre nell’anatomia, dal più intuitivo stiramento muscolare fino ad arrivare alle problematiche viscerali. E si perché il nostro corpo non è un contenitore vuoto e di conseguenza durante un movimento brusco anche i visceri e il sistema nervoso vengono colpiti. Ed ecco spiegati la moltitudine di sintomi rilevati e raccontati dai pazienti.

Cosa fare in caso di colpo di frusta?

Andare in Pronto Soccorso è sempre indicato, soprattutto per escludere problematiche più gravi (fratture, lussazioni), quindi è meglio farsi controllare da un ortopedico. Anche perché come visto i sintomi sono vari e spesso subdoli, non si presentano immediatamente, ma appaiono nei giorni seguenti

Le ultime ricerche ci mostrano che, se la muscolatura sub occipitale e cervicale non viene trattata entro le 48 ore, la possibilità che i sintomi diventino cronici si alza. Per questo il consiglio è di farsi visitare e trattare subito, anche in assenza di sintomi.

Dunque la migliore soluzione sembra essere la terapia manuale. Data la moltitudine dei sintomi e la diversità di questi, l’approccio olistico risulta il migliore.

L’osteopata sfruttando quest’approccio può essere molto utile, in quanto oltre a trattare la sintomatologia andrà a controllare tutte le parti del corpo coinvolte nel trauma e a cercare di riequilibrare l’organismo.

Riccardo Bagagli

Osteopata Torino

www.osteopata-torino-rb.it

facebook: Osteopata Riccardo Bagagli

Studi:

  • Spazio nove lune, via cesare battisti 12 Orbassano
  • Csb Torino, via lancia 8 Torino
  • Studio medico san donato, via san donato 13 Torino

Altri Articoli

Prenota la tua visita