Osteopatia e polmonite

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Osteopatia e polmonite

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

E’ da quando è iniziato il periodo di pandemia che penso di scrivere questo articolo.

Ho voluto aspettare l’evoluzione di questo momento storico dal punto di vista sociale e scientifico.

Già durante il primo anno di pandemia il Registro Osteopati Italiani (ROI) ci ha chiesto di fare delle ricerche sull’efficacia del trattamento osteopatico in pazienti che sono stati affetti da covid sintomatici.

Inoltre a breve ci sarà un ulteriore iniziativa sempre a cura del ROI per studiare gli effetti del trattamento su pazienti affetti da sintomi da long covid.

Tutto questo mi ha fatto finalmente decidere di condividere come può essere utile l’osteopatia alla nostra respirazione!

ANATOMIA

“L’osteopatia è anatomia, anatomia e ancora anatomia!”

A.T Still creatore dell’osteopatia.

La polmonite è definita come l’infiammazione che colpisce uno o più polmoni. In particolare sono colpiti gli alveoli polmonari, i quali possono riempirsi di liquido infiammatorio, rendendo difficoltoso il

processo della respirazione. Nella maggior parte dei casi la polmonite è causata da virus o batteri.

I sintomi più comuni sono: febbre, tosse (con essudato), brividi, affanno, dispnea (difficoltà respiratoria), dolore toracico acuito dai colpi di tosse.

Parliamo adesso dei polmoni. Essi sono gli organi principali della nostra respirazione, grazie alla loro capacità di espandersi per poi rilassarsi. In questo modo sono in grado di trasportare l’ossigeno per poi espellere i prodotti di scarto (anidride carbonica).

Si trovano entrambi nella cassa toracica ai lati del cuore e sono rivestiti dalla pleura polmonare (membrane che facilitano lo scivolamento). Prendono rapporto con diverse strutture direttamente e indirettamente tra le quali: il cuore e il pericardio, la trachea e i bronchi, il diaframma, le coste, lo stretto toracico superiore.

Infine sono innervati dal plesso polmonare (vertebre da t1 a t4) e dal nervo vago.

Questa breve descrizione anatomica sarà fondamentale per capire come l’osteopatia possa essere d’aiuto.

TERAPIA

La terapia principale rimane quella farmacologica, come ad esempio gli antibiotici per le polmoniti batteriche, fino ad arrivare al supporto respiratorio nei casi più gravi.

OSTEOPATIA

Per parlare dell’efficacia dei trattamenti osteopatici dobbiamo andare un po’ indietro nella storia.

Infatti i trattamenti osteopatici per la polmonite risalgono al 1918 durante l’influenza spagnola.

osteopatia-trattamento-polmonite-ricerca-covid

L’obiettivo era di affiancare il trattamento alle cure tradizionali per migliorare la sintomatologia e quindi anche la percentuale di morti.

Così nel 2014 è stata condotta una ricerca con lo stesso obiettivo e i risultati sono stati molto incoraggianti: il trattamento osteopatico unito alle cure tradizionali migliora la circolazione, la funzione respiratoria e potenzia il sistema immunitario, in questo modo si aiuta la sintomatologia e la degenza ospedaliera.

Non finisce qui, nel 2019 è stata pubblicata un’altra ricerca con l’obiettivo di indagare l’efficacia del trattamento osteopatico nella BPCO, broncopneumopatia cronica ostruttiva. Anche in questo caso ci sono stati buoni risultati.

In che modo il trattamento può aiutare?

Abbiamo sempre detto che l’obiettivo dell’osteopata è indagare se ci sono restrizioni al mantenimento della salute del nostro organismo.

Quindi anche in questo caso sarà effettuato un esame obiettivo completo, ma concentrandosi sulle strutture dello stretto toracico e del torace come:

  • muscoli scaleni, trapezio, elevatore della scapola e sternocleidomastoideo
  • clavicola, prima e seconda costa, rachide cervicale e cervico dorsale
  • sterno, coste, vertebre dorsali
  • polmoni, cuore, diaframma

Il trattamento prevede tecniche funzionali, di inibizione, di pompaggio linfatico e di mobilità di queste strutture, il tutto per migliorare la funzione respiratoria eliminando tutte quelle restrizioni alla circolazione e alla normale espansione della cassa toracica.

CONCLUSIONI

Il trattamento osteopatico da solo non è la soluzione a queste patologie, ma è un ottimo alleato per velocizzare e migliorare il decorso della malattia, diminuire i sintomi e potenziare l’organismo!

Riccardo Bagagli
Osteopata, Chinesiologo, Massaggiatore sportivo, Preparatore atletico

Altri Articoli

Prenota la tua visita